EDIZIONE 2014

Festival “Donne Verso il Mare Aperto” – 3ª edizione anno 2014

programma-donne-verso-il-mare-aperto-1ANTEPRIMA – Festival 2014 – scusa “se” esisto

ECCOCI ARRIVATI ALLA 3° EDIZIONE DEL FESTIVAL DONNE VERSO IL MARE APERTO. IV. ANNO SE INCLUDIAMO ANCHE LA RASSEGNA PAROLA DI DONNA…DEL 2011.

ANCORA UNA VOLTA, IL FESTIVAL E’ ALL’INSEGNA DEL VOLONTARIATO, INTESO COME CORAGGIO DELLE DONNE VERSO IL MARE APERTO, CHE HANNO DIMOSTRATO DI SAPER – DONARE CIO’ CHE RICHIEDE TEMPO, ENERGIE, SENTIMENTO, CHE IL PIU’ DELLE VOLTE NON VIENE COMPRESO, MA CHE SCHIUDE UNA fessura CHE E’ ESATTAMENTE QUELLO CHE CI INTERESSA, PER VEICOLARE – IL TRABACCOLO –IL SIMBOLO CHE RAPPRESENTA IL NOSTRO legame SOCIALE.

SI VA COSI’ ALLA RICERCA DI TRACCE MINIME, INVISIBILI ALLO SGUARDO GROSSOLANO, PERCHE’ FARE CONTO SUGLI SCARTI, SUI RIMOSSI, SULLE MINUZIE SFUGGITE AL “CONTROLLO DELLA STORIA” SERVE A RICOSTRUIRE – VITE – COME QUELLE DELLE ARTISTE CHE SI SONO PRESENTATE NELLE DUE BELLE MOSTRE DAL 7 LUGLIO A CASAL BORSETTI E DALL’8 LUGLIO A PORTO CORSINI, APERTE LA SERA FINO ALLA FINE DEL FESTIVAL E CHE VI INVITO A VISITARE… OVVIAMENTE C’E’ BISOGNO DI IMMAGINARIO PERCHE’ LA RIVOLUZIONE CHE CONTA E’ QUELLA CHE AVVIENE PROPRIO NELL’IMMAGINAZIONE DI OGNUNO DI NOI.

SCUSA – SE – ESISTO E’ IL TITOLO DEL FESTIVAL 2014, MA E’ ANCHE LA CELEBRE FRASE CHE JUDY HOLLIDAY RIVOLGE AL RICCO E VOLGARE FIDANZATO NEL FILM CAPOLAVORO – NATA IERI – DIRETTO NEL 1950 DA G. CUKOR E CHE VEDREMO DOMANI DOPOCENA, PRECEDUTO DALLA COMMEDIA TEATRALE AL CUI FILM CI SIAMO ISPIRATE E CHE ASSISTEREMO SEMPRE DOMANI ALLE 19 IN OCCASIONE DELL’INAUGURAZIONE DEL FESTIVAL.

IL – SE – VIRGOLETTATO, INVECE, SIGNIFICA – SOLO – DIVERSITA’.

UNA DIFFERENZA CHE NON E’ SINONIMO DI DISCRIMINAZIONE , MA UN SEGNO PER CONDURRE IL PUBBLICO AD UNA RIFLESSIONE NECESSARIA SULLA CULTURA E SUL LINGUAGGIO FEMMINILE E PER RIVEDERE POI L’ORDINE SIMBOLICO DI UNA REALTA’ PORTATRICE DI VALORI MASCHILI. (RICORDERETE LA COMMEDIA TEATRALE TRATTA DAL LIBRO “PROGETTO DI LEGGE PER VIETARE ALLE DONNE DI IMPARARE A LEGGERE” CHE ABBIAMO PRESENTATO GIA’ NELLA RASSEGNA 2011”).

LE DONNE, SI SA, HANNO BISOGNO DI PAROLE, DI UN SIMBOLICO CONFORME ALL’ESPERIENZA FEMMINILE PERCHE’ OGNI DONNA DEVE POTER PARLARE DI SE’ SENZA PASSARE NECESSARIAMENTE ATTRAVERSO L’IMMAGINARIO MASCHILE, ANCHE SE, TROPPO SPESSO, IL DESIDERIO DI ESSERE- UGUALI – E – NON PARI ALL’UOMO CI HA PORTATO ALLA SVALORIZZAZIONE DEI RUOLI APPARTENENTI AD ENTRAMBI I SESSI. QUINDI, MENTRE LE DIFFERENZE, A PARTIRE DA QUELLA SESSUALE, DOVREBBERO ESSERE ESALTATE SUCCEDE CHE, PER CERCARE UN’UGUAGLIANZA CON IL MODELLO MASCHILE DI RIFERIMENTO, LA DONNA HA FINITO INVECE PER IMITARLO ! SI TRATTA ORA DI METTERE IN PRATICA LE CONDIZIONI PER UNA CULTURA ED UNA CONVIVENZA FRA SOGGETTI DIFFERENTI, DOVE IL – DIALOGO – E’ ALLA BASE DEL CONFRONTO E ALLORA LA PAROLA E’ NECESSARIA PER ARRIVARE ALL’ALTRO..

IL FESTIVAL VUOL ESSERE UNA SEMPLICE OCCASIONE PER NON PARLARE QUINDI DI UN SOGGETTO UNICO, MA PER AVVICINARSI AD UN’OTTICA NUOVA, RIVOLTA SIA AGLI UOMINI CHE ALLE DONNE, IN CONTINUA RELAZIONE FRA LORO…UN RAPPORTO CHE cambia CONTINUAMENTE E DOVE CIASCUN SOGGETTO E’ IN RELAZIONE CON LA NATURA , CON LA CULTURA, COINVOLGENDO COSI’ L’ARTE IN SE’, IN UN MODO DI PENSARE SIA GLOBALE CHE ATTENTO ALLE DIFFERENZE….DI CUI CIASCUNO DI NOI DOVREBBE APPROPRIARSI. INSOMMA UNA FORMA DI REALISMO A RADICE FEMMINILE.

Le donne portano sulle loro spalle la metà del cielo e devono conquistarsela”, diceva qualcuno CIRCA 80 ANNI FA….ma NOI DONNE cosa abbiamo fatto ? il giro del mondo, per tornare al punto di partenza…ma pronte a ripartire a fianco delle nuove generazioni…

ORA E’ COME SE SI VOLESSE DISSOTERRARE UNA REALTA’ SOMMERSA CHE, OLTRE A RIPERCUOTERSI SIA SULLE DONNE CHE SUGLI UOMINI, LI COINVOLGE ENTRAMBI E CHIEDE A LORO UN’ATTIVITA’ CHE IMPLICA COLLABORAZIONE, E LE DIFFERENZE SONO L’IDENTITA’ DELLE PERSONE. QUESTO E’ IL SENSO , IL SUCCO CONCENTRATO DI QUESTA 3° EDIZIONE DEL FESTIVAL DELLE DONNE VERSO IL MARE APERTO

NELLE EDIZIONI PRECEDENTI, SI E’ SENTITA LA NECESSITA’ DI FONDARE UN PENSIERO A PARTIRE DALLE FIGURE MITOLOGICHE E DALLE CARATTERISTICHE FEMMINILI IN CUI OGNI DONNA PUO’ RICONOSCERSI. E ALLORA QUALE SIMBOLOGIA MIGLIORE QUANDO NEL 2012 ABBIAMO PORTATO IN SCENA LA COMMEDIA TEATRALE “LE DEE DENTRO ALLA DONNA” , RIFLETTENDO SUL PENSIERO MASCHILE CHE HA COSTRUITO IL MONDO PARTENDO DA SE’ ED HA SOTTRATTO ALL’ESSERE SESSUATO FEMMINILE L’ACCESSO AL SIMBOLICO, OVVERO LA CAPACITA’ DI AUTO – SIGNIFICARSI !?

L’ANNO SCORSO, TRA TUTTE LE DEE ABBIAMO SCELTO ATHENA, DEA DELLA SAPIENZA, LA GUERRIERA SAGGIA E FORTE CHE RAPPRESENTA LE QUALITA’ INTELLETTUALI DELL’UOMO E DELLA DONNA, PROTETTRICE DI TUTTE LE ARTI FEMMINILI, DELLE NASCITE E DEI BAMBINI…(DA CUI MINERVA, DEA DELLA GUERRA E DEL TELAIO) . MA ANCOR DI PIU’ LA CIVETTA, CHE L’ACCOMPAGNA IN OGNI RAFFIGURAZIONE E CHE E’ DIVENTATA IL LOGO DELLE DONNE, LA POLENA… CHE TRACCIA LA ROTTA VERSO IL MARE APERTO.

RAPPRESENTA LA COMPLETA COMPRENSIONE, PERCHE’ CON IL SUO SGUARDO ACUTO CHE PENETRA IL BUIO, PERSONIFICA LA LUCE COME USCITA DALLE TENEBRE , INDICANDO LA RINASCITA. PER GLI ANTICHI SIMBOLEGGIAVA LA NOTTE E LA PASSIVITA’ MA ANCHE IL SOLE AL DI SOTTO DELL’ORIZZONTE, COME QUI FRA POCO QUESTA SERA, QUANDO SI TUFFERA’ NELLA VALLE PER LASCIARE IL POSTO ALL’OSCURITA’.

QUI, IN QUESTI LUOGHI MAGNIFICI, OGNUNO DEVE POTER SLEGARE E COLTIVARE LA PROPRIA ENERGIA PSICOFISICA PER LASCIARLA A DISPOSIZIONE DEL PROCESSO CREATIVO. ANCHE ASCOLTARE CISCUNO IL PROPRIO RESPIRO, CHE E’ L’ESSENZA DELLA VITA, E’ UN MODO DIRETTO PER COLTIVARE ENERGIA..E LO PERCEPIREMO CAMMINANDO CON NORDIC WALKING, ASCOLTANDO DUE CONCERTI ALL’ALBA, SULLA RIVA DEL MARE, A CASAL BORSETTI ED A PORTO CORSINI, MA ANCHE STASERA QUI IN VALLE…UN QUARTETTO SI AGGIRA PER L’EUROPA…LE FEMME FOLK, ASSAGGIANDO SFIZI CULINARI ETNICI E NON….

SCOPRIREMO POI COME IL PUNTO DI PARTENZA DI OGNI RIFLESSIONE NON PUO’ CHE ESSERE IL CORPO, SEDE DI ORIGINE SIA FISICA CHE SIMBOLICA, NON COME UN – CHE’ DI SUPERFLU, O UN – DI PIU’, MA COME CIO’ CHE SI RADICA NEL SUO ESSERE ..DI DONNA O DI UOMO CHE SIA.

L’ANNO SCORSO ABBIAMO LAVORATO SUL TEMA DEL FEMMINICIDIO ( ERA L’ANNO DEDICATO) ED ANCORA OGGI DICIAMO CON FORZA CHE IL SILENZIO, FATTO DI VIOLENZA, DI DISPREZZO O DI FINTO ED UNTUOSO SENSO DI PROTEZIONE E’, IN ASSOLUTO, UNO DEI PEGGIORI CRIMINI CONTRO L’UMANITA’ CHE TROVA SPESSO LA NOSTRA SOCIETA’, APPARENTEMENTE EVOLUTA, MA ANCORA DAVVERO TROPPO SILENZIOSA.

UN SILENZIO IMPOSTO DA MILLENNI CHE HA ANNULLATO LA PRESENZA FEMMINILE FUORI DALLA SFERA DOMESTICA. COME DIRE CHE IL MONDO CHE ABBIAMO VISSUTO NON LO ABBIAMO CREATO, RAPPRESENTATO, PENSATO, MA PRESO PER VERO.
SI ATTRAVERSANO SECOLI DI ARTE, ARCHITETTURA, PITTURA, MUSICA, LETTERATURA SENZA QUASI INCONTRARE UN NOME DI DONNA E QUESTO PER RASSICURARE QUELLA “META’ DEL MONDO” CHE, PER PAURA, CERCA ANCORA DI DOMINARE, MENTRE TACE QUELLA CHE HA GENERATO L’UMANITA’ INTERA.

ALLORA POICHE’ L’IDENTITA’ NON E’ ALTRO CHE UN INTRECCIO DI RELAZIONI, E’ DIVENTATO OGGI UN COMPITO ARRIVARE A ” VEDERE” IL MONDO E QUINDI E’ NECESSARIO ACCETTARE DI TORNARE METAFORICAMENTE INSIEME ALLE DONNE VERSO IL MARE APERTO, ESATTAMENTE NEL PUNTO DOVE TUTTO E’ INCOMINCIATO, PER TROVARE UN NUOVO INIZIO, PER RIPRENDERE DALLE RADICI I MOTIVI E LE PRATICHE CON CUI RENDERE IMMAGINABILE UNA NUOVA CONVIVENZA TRA UOMINI E DONNE.

ABBIAMO QUINDI CERCATO GIOVANI RAGAZZI LICEALI CHE GIA’ FANNO TEATRO, BRAVISSIMI, FACENDO VIVERE A LORO LA PRIMA ESPERIENZA CINEMATOGRAFICA, GUIDATI DALLA REGIA DI ALESSANDRO TEDDE. SI CHIAMANO FRANCESCA BUCCI, LEONARDO MALTESE ED EDOARDO LIVERANI, CHE VEDREMO DOMANI IN SCENA….CHIARO CHE CON LE NUOVE GENERAZIONI AUSPICHIAMO UN FUTURO DOVE LE RELAZIONI SIANO AL POSTO DELLA LEGALITA’ E LA fiducia AL POSTO DELLE REGOLE, PER CRESCERE CON CONSAPEVOLEZZA E COSCIENZA…VEDREMO…CHISSA’ !

TORNA QUINDI AD ESSERE NECESSARIA LA FORZA ORIGINARIA DELLA PAROLA , O MEGLIO L’AUTORITA’ DELLA PAROLA ESERCITATA FINO A PRODURRE UN CAPOVOLGIMENTO, UNA TRASFORMAZIONE..

“LEGGIAMO UN FILM” SONO DUE incontri CHE AVRANNO LUOGO SIA A CASAL BORSETTI CHE A PORTO CORSINI, DOVE UNA VOCE NARRANTE, INSIEME AD INTERPRETAZIONI DA PARTE DI ATTRICI/LETTRICI COINVOLGERANNO IL PUBBLICO, INVITANDOLO A INTERVENIRE… LA VISIONE POI DEI DUE FILM “ATTRAZIONE FATALE” DI A. LYNE E “IL diario DI BRIDGET JONES” DI FIELDING CONCLUDERANNO LE SERATE.

INSOMMA, VOGLIAMO NARRARCI UNA STORIA NUOVA E VERA IN CUI IL LIBRO ED IL CINEMA DIVENTERANNO STRUMENTI ESSENZIALI PER PROSEGUIRE NEL VIAGGIO INTRAPRESO DALLE DONNE VERSO IL MARE APERTO, DOVE CIASCUNA RIPRENDERA’ COSI’ IN MANO IL FILO DELLA PROPRIA STORIA .

IL RISPETTO INNATO PER LE COSE DA PARTE DELLE DONNE, FA SI’ CHE IL LORO AGIRE, SENZA ABBANDONARE L’INTIMO, IL CONTESTUALE, ED IL DOMESTICO , SI DISPONGA CON LEGGEREZZA COME SCIENZA DELLA VITA QUOTIDIANA. SI CREERA’ COSI’ LA LIBERTA’ DI ESSERE PIENAMENTE NELLE CONDIZIONI DI SCEGLIERE I GESTI NECESSARI ALLA VITA E DI FARE ENTRARE LA LIBERTA’ NELLE COSCIENZE.

NE E’ MAESTRA MARIA MARTINELLI , PROFESSIONISTA RAVENNATE DI LUNGA DATA CHE HA REALIZZATO DOCUMENTARI E CORTOMETRAGGI , SPESSO PREMIATI, CHE HA PRESENTATO NEI PIU’ IMPORTANTI FESTIVAL SPECIALIZZATI NEL SETTORE CINEMATOGRAFICO, CHE SI E’ OCCUPATA DELLE DONNE COME NEL CORTO “LA COLPA” CHE VEDREMO DOPO L’INTERVISTA, DOMENICA POMERIGGIO PRIMA DELLA VISIONE DEL BELLISSIMO FILM “LA SORGENTE DELL’AMORE” DI MILHAELANU (2011)

SONO STATI ANNI I IMPEGNATIVI, FATICOSI, CON L’INTENTO DI PORTARE I LIDI NORD, LE DONNE VERSO IL MARE APERTO SUL PALCOSCENICO DI RAVENNA capitale DELLA CULTURA, IN MOSTRA QUANDO VERRA’ A RAVENNA, IL PROSSIMO OTTOBRE, LA COMMISSIONE EUROPEA PER ASSEGNARE LA VOTAZIONE FINALE.

UN VIVO RINGRAZIAMENTO A GRAZIELLA GALLAMINI PER PROLOCO CASAL BORSETTI ED ENRICA TROMBINI PER PROLOCO PORTO CORSINI E A TUTTO LE DONNE VERSO IL MARE APERTO CHE IN QUESTI ANNI HANNO DATO IL LORO PICCOLO E GRANDE CONTRIBUTO.
MARINA MAGNANI – Pro Loco Marina Romea
Ideatrice e realizzatrice del Festival “Donne verso il mare aperto “ Edizione 2014 e del Cortometraggio SCUSA “SE” ESISTO

Scarica il programma completo di “Donne Verso il Mare Aperto Edizione 2014” – Scusa “SE” Esisto – cliccando qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...